Pier Luigi Bersani – Pensioni mezzo e mezzo

di - 24 November, 2012

Pier Luigi Bersani (Pd):  «Siamo arrivati a un livello di età reale di pensionamento che ormai ci fa superare la Germania». (minuto  27:00)

MEZZO E MEZZO. Quanto affermato da Bersani sarà vero fra poco più di sette anni: in base a quanto previsto dalla recente riforma varata dal governo tecnico, infatti, nel 2020 gli italiani saranno i più vecchi lavoratori europei ad andare in pensione, e lo faranno a 66 anni e 11 mesi. Secondo la stessa riforma, inoltre, nel 2040 l’età di pensionamento sarà di 68 anni e 11 mesi, 69 anni e 9 mesi nel 2050 e 70 anni e 3 mesi nel 2060. In Germania, attualmente, l’agognato ritiro dal lavoro è possibile a 65 anni e 9 mesi e, a meno di nuove riforme anche in quel paese, nel 2060 si andrà in pensione con 67 anni. Nel breve termine, invece, in Italia ci si può ancora ritirare prima che in Germania, anche se dal prossimo anno entreranno in vigore i nuovi scatti: nel 2013 si passerà a quota 97 per i dipendenti e 98 per gli autonomi (data  dalla somma dell’età anagrafica, rispettivamente di 62 e 63 anni, più 35 di contributi). Per quanto riguarda poi l’adeguamento dell’età pensionabile alla crescita della speranza di vita, in una prima fase gli incrementi non potranno essere superiori ai sei mesi, ma dal 2018 scatteranno gli aggiornamenti triennali pieni, che avranno una ripercussione sensibile sull’aumento dell’età pensionabile: secondo le stime dell’Istat, infatti, rispetto al 2007 nel 2050 la speranza di vita sarà aumentata di 6,4 anni per gli uomini e di 5,8 per le donne.

Commenta l'articolo: